Cile… incantevole e selvaggio

cileOsservare le stelle nel deserto più arido del mondo, godere del silenzio dei ghiacciai millenari nella parte più meridionale del pianeta, lasciarsi incantare da foreste  e laghi situati ai piedi di enormi vulcani. Il Cile è una cornucopia di possibilità infinita per i viaggiatori instancabilmente alla ricerca di meraviglie; ha isole piene di leggende, tradizioni enologiche, grandi sfide da superare in una natura ai limiti e e al contempo la città moderna e piena di attrazioni di Santiago.

Le principali attrazioni turistiche in Cile sono rappresentate da straordinari paesaggi naturali  nelle aree più estreme del paese. Nell’estremo nord si trovano il lago Chungara e il vulcano Parinacota a più di 4500 metri sul livello del mare, San Pedro de Atacama, le lagune altiplaniche, la Valle della Luna e il campo dei geyser del Tatio, il più grande nell’emisfero sud e il terzo più grande del mondo.

Nell’estremo sud si trovano il Parco nazionale Vicente Pérez Rosales, l’arcipelago di Chiloé, la Patagonia, la Laguna di San Rafael e i suoi ghiacciai, e il Parco Nazionale Torres del Paine, selezionato come l’ottava meraviglia del mondo nel 2013.

cil 1.jpgIn tutta Ande ci sono diciotto centri sciistici di qualità internazionale, come Valle Nevado, con una delle più grandi aree sciistiche del Sud America. Infine, nel mezzo dell’Oceano Pacifico, l’Isola di Pasqua è probabilmente una delle destinazioni più indimenticabili che si possano scegliere.

Cil 3.jpgÈ difficile individuare un periodo preciso per visitare il Paese nel suo complesso in quanto la “lunghezza” del territorio presenta climi molto diversi. Ad esempio, c’è il secco, arido deserto di Atacama a nord dove le temperature raggiungono un massimo di 32 ° C e può scendere a -2 °C.

La regione centrale del Cile invece ha un’atmosfera mediterranea con una stagione fredda e umida da maggio ad agosto, mentre di solito è sempre fresca e umida nel sud. L’Isola di Pasqua ha le sue temperature sub-tropicali umide, mentre gran parte del sud, dalla Regione VII in giù, ha una piovosità annuale molto alta.

Cil 2.jpgArica, Iquique, Antofagasta, La Serena e Coquimbo sono i principali centri balneari estivi del nord per i turisti locali, mentre il sud registra alti numeri turistici da gennaio a marzo. Per quanto riguarda la visita della Patagonia e del sud, i mesi estivi da dicembre a marzo sono ideali in quanto è più caldo per il trekking e altre attività all’aria aperta.

Cil 4.jpgNovembre e aprile sono tempi più tranquilli in termini di turismo, ma il tempo è meno affidabile. Non è consigliabile visitare il sud tra la fine dell’autunno e la fine dell’inverno, da maggio a settembre, poiché molti sentieri si chiudono a causa del maltempo e di forti venti e corsi d’acqua ghiacciati. Tuttavia, i luoghi del nord, come ad esempio l’Atacama, possono essere visitati tutto l’anno.

 



		
	

Rispondi