l’Islanda del ghiaccio e del fuoco

iceland map.jpgUn’isola di paesaggi suggestivi, dove i fiumi attraversano deserti e il fuoco erutta dal ghiaccio, l’Islanda è meglio descritta come un regno di forti contrasti, una terra in cui gli elementi naturali danzano perpetuamente tra i poli primordiali del fuoco e del gelo, durante gli inverni senza fine e mesi estivi senza notte.

ICE 1L’Islanda è un’isola nel Nord Atlantico. È sede di una nazione progressista e pacifica che ha formato una società moderna in cui la libertà e l’uguaglianza sono le qualità più importanti. L’Islanda si colloca costantemente al vertice delle misure per la qualità della vita, l’uguaglianza di genere e la democrazia ed è uno dei paesi con il punteggio più alto al mondo per quanto riguarda l’assistenza sanitaria, l’istruzione e la disponibilità di Internet.

L’Islanda è un paese di forti contrasti geologici. Ampiamente nota come “La terra del fuoco e del ghiaccio”, ospita alcuni dei più grandi ghiacciai in Europa e alcuni dei vulcani più attivi al mondo; è anche la terra della luce e dell’oscurità. Le lunghe giornate estive con quasi 24 ore di sole sono compensate da brevi giornate invernali con solo poche ore di luce.

ICE 2La pietra angolare della cultura islandese è la lingua islandese, che ha generato una tradizione letteraria che risale alle antiche saghe nordiche. Una forte tradizione letteraria prospera ancora nell’Islanda moderna. Gli autori islandesi pubblicano più libri pro capite che in qualsiasi altro paese del mondo. L’Islanda vanta anche una scena musicale prospera, una fiorente industria cinematografica e il design islandese sta diventando maggiorenne.

Un’isola sottopopolata abbandonata vicino alla cima del globo è, letteralmente, un paese in divenire. È un vasto laboratorio vulcanico in cui potenti forze plasmano la terra: i geyser zampillano, i fanghi si oscurano, i vulcani coperti di ghiaccio rombano e i ghiacciai tagliano grandi sentieri attraverso le montagne. Il suo splendore sovralimentato sembra progettato per ricordare ai visitatori la loro assoluta insignificanza nel più grande schema di cose. E funziona a meraviglia: un po’ di aria pulita e nitida, un occhio dei paesaggi cinematografici, e rimani sbalordito.

ICE 4È il potere della natura islandese trasformare il prosaico in qualcosa di straordinario. Un tuffo in una piscina diventa un bagno in una laguna geotermica; una passeggiata informale può trasformarsi in un trekking attraverso uno scintillante ghiacciaio; e una notte tranquilla di campeggio potrebbe significare posti in prima fila per le tende di luce delle aurore boreali o il morbido colore rosato del sole di mezzanotte. L’Islanda ha un effetto trasformativo anche sulle persone: le sue saghe trasformano i bruti in poeti, e le sue storie di huldufólk possono rendere credenti gli scettici. Qui troverai alcune delle più alte concentrazioni al mondo di sognatori, autori, artisti e musicisti, il tutto alimentato dall’ambiente circostante.

Non pensate per un minuto che si tratti solo di grandi spazi aperti. Il contrappunto a tanta bellezza naturale si trova nella vita culturale islandese, che celebra un’eredità letteraria che si estende dalle saghe medievali ai thriller contemporanei attraverso i vincitori del premio Nobel. La musica dal vivo è ovunque, così come l’arte visiva, l’artigianato e la cucina locale. Il capitale più a nord del mondo ospita il tipo di egualitarismo, il pensiero verde e lo stile disinvolto con cui i suoi fratelli nordici sono famosi – il tutto avvolto nell’individualità islandese.

ICE 5Il calore degli islandesi è disarmante, così come la loro laboriosità: hanno lavorato duramente per risollevarsi dagli sconvolgimenti finanziari e trasformare l’Islanda in una destinazione che, grazie alla sua popolarità con i visitatori, può ospitare più di sei volte la sua popolazione ogni anno. Metti in pausa e considera una città di medie dimensioni nel tuo paese, quindi affidale a università, aeroporti e ospedali lontani da amministrare, a 30 diversi vulcani attivi da monitorare e a centinaia di hotel da gestire. Come potrebbero farvi fronte? Potrebbero gestire così come fanno gli islandesi e avere ancora tempo per creare musica da brivido?

ICE 3.jpgIl clima dell’Islanda è mitigato dalla Corrente del Golfo. Le estati sono miti e gli inverni piuttosto freddi. Le colorate Aurora Boreale (Northern Lights) si vedono meglio tra novembre e febbraio. A giugno e luglio, ci sono quasi 24 ore di luce a Reykjav, mentre nella parte settentrionale del paese il sole quasi non tramonta affatto.

Rispondi