Parigi ai tropici? Capitale mondiale del rhum? Semplicemente…MARTINICA!

martinique map.pngLa Martinica, conosciuta anche come Parigi ai tropici, ha una miscela unica di influenze francesi, africane, creole e dell’India occidentale. Viaggiare in Martinica è un tuffo nei Caraibi con un pizzico di brio francese, dove l’accento francofono è quel pizzico di sale in più tra le acque turchesi che lambiscono spiagge di sabbia talmente bianca da essere quasi accecante. Tra numerose attrazioni culturali, vela di livello mondiale, un paesaggio montuoso con molte possibilità di escursioni e, naturellement, cibo delizioso e rum locale unico.

MART 1Quando Cristoforo Colombo scoprì la Martinica nel 1493, l’isola era abitata da indiani Arawak e Caraibi. La Martinica è sotto il controllo francese da quando sono state fondate le colonie nel 1635. Nel 1974, la Francia accordò alla Martinica un’autonomia politica ed economica locale, che fu definitivamente ampliata nel 1982 e nel 1983. Oggi l’isola controlla la maggior parte dei suoi affari, ad eccezione della difesa e sicurezza.

L’escursionismo è di altissima qualità in Martinica, con opzioni che includono i sentieri della foresta pluviale costiera tra Grand Rivière e Le Prêcheur e una ripida salita sulla cima vulcanica del Monte Pelee. La Martinica vanta anche un campo da golf, campi da tennis, vela eccellente e buon windsurf. Se sei assetato di cultura, assicurati di esplorare Fort-de-France, che ha alcune cattedrali interessanti, lo storico Fort Saint Louis e un paio di musei che esaminano la storia dell’isola. St-Pierre ha un museo del vulcano dedicato all’eruzione del 1902 che seppellì questa piccola città, uccidendo tutti tranne uno dei suoi 30.000 abitanti.

MART 5Pointe du Bout, dove si trova la maggior parte delle località più grandi dell’isola, ha alcune piccole spiagge che sono molto popolari tra i visitatori. Se vi piacciono le sfide, consigliamo di  muovere verso sud in direzione Diamond Beach, che ha file di palme lucenti e immensi spazi per prendere il sole e praticare sport acquatici. Poi continuate verso Sud-est di Diamond Beach, e visitate il suggestivo villaggio di pescatori di Ste, che domina l’estremità meridionale di Martinica. Luce è nota per le sue spiagge di sabbia bianca, come anche Anne, dove troverai le popolari spiagge di sabbia bianca di Cap Chevalier e Plage de Salines, due delle più belle spiagge dell’isola.

Fort-de-France ha un certo numero di hotel, ma se preferite alloggiare molto vicino alla spiaggia, cercate le zone turistiche di Pointe du Bout o Les Trois Ilets. Uno dei migliori hotel dell’isola, lo storico Habitation LaGrange, è una ex piantagione situata a circa 30 minuti dalla spiaggia. Buone scelte per le famiglie sulla spiaggia includono Hotel Carayou e Karibea Sainte Luce Resort.

MART 3Numerose rovine sparse e altri monumenti storici riflettono la ricchezza del passato delle piantagioni di canna da zucchero della Martinica, il rhum e il retaggio della schiavitù. Denominata la Rum Capital of the World, è ampiamente considerata la migliore isola gourmet dei Caraibi. Suscita i desideri mangerecci più lussuriosi distinguendosi per la sua offerta culinaria strepitosa. Se poi vi piace lasciarvi suggestionare dalle tradizioni misteriose e magiche Martinica è il posto giusto in tutti i sensi. Un posto magico, romantico e sensuale, noto come l’isola dei revenants, coloro che ritornano sempre… in molti sensi. Anche voi vorrete sicuramente tornarci! Et pourquoi non?

Ne avrete tutte le ragioni del mondo, visto che Martinica è semplicemente una delle destinazioni più incantevoli dell’emisfero occidentale. I francofili adorano quest’isola per il cibo, il rum, la musica e lo slang e la disponibilità dei migliori prodotti francesi, dalle mode di Chanel alla porcellana di Limoges. Tutto ciò impreziosisce le molte bellezze tropicali, tra cui spiagge di sabbia bianca e foreste pluviali. Il vulcano Mont Pelée incombe sulla città portuale di Saint-Pierre, conosciuta come la Pompei dei Caraibi. La sua città più grande, Fort-de-France, è ricca di fascino e di ottimi ristoranti e discoteche. I Martinici sono poi incredibilmente accoglienti.

MART 2Un felice connubio tra cuisine francese, influenze africane e ingredienti caraibici ha prodotto una cucina molto varia. Puoi trovare di tutto, dal croissant fresco al foie gras alle specialità creole come il boudin o il sanguinaccio. Il pesce è un alimento comune, tra cui conchiglia, aragosta e lumache, mentre i prodotti autoctoni dell’isola – banane, guava, soursop e frutto della passione sono ampiamente utilizzati come ingredienti principali o secondari. Per la raffinata cucina francese contemporanea, provate La Belle Epoque a Fort-de-France. Il Rhum Agricole locale è prodotto con succo di canna da zucchero pressato, anziché melassa e ciò gli conferisce un sapore unico.

Considerata la fama di Martinica come destinazione per i velisti, non sorprende che uno dei suoi eventi più importanti sia una gara di barche straordinariamente bella chiamata Tour des Yoles Rondes. La gara vede sfidarsi imbarcazioni in legno simili a canoe chiamate yawls, che navigano intorno all’isola. Altri eventi annuali includono una versione isolana del Tour de France, un festival del rum e festival di chitarra e jazz tenuti in anni alterni. A proposito di musica, se volete trovare dei bei concerti live, provate Cotton Club sulla spiaggia di Anse Mitan, con musica jazz e tradizionale dell’isola. Se avete voglia di ballare, fai un salto a Le Zénith a Fort-de-France o Top 50 a Trinité. Per le arti dello spettacolo, tra cui musica classica e spettacoli di danza, Centre Martiniquais d’Action Culturelle e L’Atrium, entrambi a Fort-de-France, sono i luoghi da visitare.

MART 4Tempo caldo per tutto l’anno, con la principale stagione delle piogge che si verifica in autunno. I rovesci possono verificarsi in altri periodi dell’anno, ma di solito sono brevi. Insomma, è sempre un buon momento per la Martinica!

 

Rispondi