Tonga, un viaggio nel tempo

Il Regno di Tonga è composto da 171 isole, che si estendono su 700.000 km quadrati del Pacifico meridionale, cucite dai vulcani del “Pacific Rim of Fire”, una linea che da nord a sud prosegue per 800 km. Nel XII secolo, si pensa che i re di Tonga gestissero un impero che raggiunse gran parte del Pacifico, ma quando gli europei scoprirono le isole nel 1616 ciò era Storia da tempo. Nonostante l’arrivo degli europei, furono gli unici nel Pacifico a non aver mai perso il governo indigeno. Il Capitano Cook sbarcò per la prima volta nel 1773, visitando le isole durante l’annuale festival “Primi frutti”. Fu invitato ad unirsi ai festeggiamenti e soprannominò le isole “Isole amichevoli”, anche se recenti ricerche indicano che l’accoglienza degli isolani non era fu così amichevole. Potrebbe essere che la gente del posto pianificasse di ucciderlo ma non ha mai trovato il momento giusto. Poco scoraggiato e certamente non morto, è tornato per due visite successive. I

Ci sono soldi nella capitale ma non molto altrove. Molte isole non hanno elettricità e operano al di fuori di qualsiasi sistema monetario: l’attività quotidiana consiste nel raccogliere le radici e pescare dalle canoe, mentre la sera le donne tessono stuoie e fanno tapas, mentre gli uomini bevono kava e parlano del pesce che hanno pescato. Poi ti rendi conto che i tongani sono sorprendentemente viaggiatori. In qualsiasi momento metà della popolazione lavora all’estero. I loro stipendi finanziano la modesta economia delle isole e una conoscenza sofisticata del mondo occidentale è sicuramente rientrata nella cultura insieme ai dollari australiani, neozelandesi e americani che tengono a galla le isole. Tongatapu è l’isola principale del gruppo, dove troverai la capitale Nuku’alofa, la famiglia reale, il governo e la maggior parte della popolazione. Questo è anche il luogo dove si trovano i siti archeologici più importanti del paese: pietre henges, tombe terrazzate e antichi fossati. Potrai fare un ottimo surf e grandi immersioni intorno alle sue isolette. ‘Eua è vicina ma si sente come un mondo diverso. Protetta come un parco nazionale, offre alcune delle migliori escursioni: grotte, voragini e cascate abbondano.

Vava’u è uno dei grandi centri velici del Pacifico, con uno splendido scenario e alcuni spettacolari siti di immersione. In qualsiasi momento dell’anno alcune isole del gruppo offriranno una buona navigazione e anche se le balene possono essere viste in tutta Tonga, questo è il posto dove gli avvistamenti sono più frequenti e migliori.

Il ritmo della vita rallenta bruscamente sul gruppo di Ha’apai Island. È qui che il Capitano Cook ha approdato e dove ha avuto luogo l’Ammutinamento sul Bounty: è facile capire perché gli ammutinati hanno scelto questo luogo per fuggire a una vita dura in mare, poiché queste isole sono incredibilmente lente.

I Niuas sono il gruppo di isole più settentrionali e remote di Tonga – sono più vicine alle Samoa e alle Figi di quanto non lo siano alla capitale di Tonga, Tongatapu – ed è qui che troverai le isole più autentiche. Non è passato molto tempo da quando i Niuas facevano affidamento su un sistema di consegna della posta che metteva lettere nei barattoli di biscotti che gettavano ai bagnanti del villaggio: le cose non sono cambiate.

Il turismo è ancora ad uno stato primordiale a Tonga. la capitale Tongatapu ha le migliori strutture, mentre le isole del gruppo Vava’u, grazie al surf, alle spiagge, alle balene e alla pesca, sono diventate il paradiso dei yachtie. Le altre isole dell’arcipelago hanno ancora poche sofisticazioni e troverai poche strutture.

Il clima di Tonga è leggermente più fresco rispetto alla maggior parte delle aree tropicali. Il periodo migliore per visitare il paese è da maggio a novembre. Le forti piogge si verificano da dicembre a marzo.

Rispondi